Il Fondatore

Gandhi

Un frase che cade a pennello per descrivere la visone e l’operato di Giuseppe Rossi, il fondatore di Tisana. Un uomo che tra i primi sognava e progettava un futuro più verde in cui gli uomini avrebbero maturato uno stile di vita più rispettoso di loro stessi, del prossimo e della natura: “Il benessere futuro -diceva- si orienterà verso una maggiore presa di coscienza da parte delle persone in tutti gli ambiti della vita: dall’alimentazione corretta, al vivere in una casa e in un ambiente sani, senza tralasciare il ruolo fondamentale della prevenzione. Si presterà attenzione all’equilibrio di corpo, mente e spirito, unitamente a un atteggiamento mentale positivo e rispettoso della propria persona, della relazione con il nostro prossimo e nei confronti del pianeta”.

E fu proprio per dare agli uomini una strada verso questa nuova consapevolezza che Giuseppe Rossi creò Tisana. Era il 1997 e Rossi spiegava: “Mi è venuta l’idea di organizzare una fiera della Svizzera italiana dedicata alla salute e al benessere. Da tempo mi occupavo di terapie complementari, alimentazione sana e biologica e di tutto ciò che riguardava la prevenzione e il benessere. Insieme a mia moglie Alba visitavamo tutte le poche fiere del settore allora esistenti in Svizzera e all’estero, ma la passione era tale che ci spingemmo fino a Expo West, la famosa fiera californiana.

Ero entusiasta dei segnali che registravo in giro e mi convinsi che inevitabilmente la società si sarebbe orientata verso uno stile di vita più sano e consapevole. Lugano, tradizionale crocevia di culture diverse, mi sembrò il luogo adatto per ospitare una sua fiera concepita per far conoscere al pubblico il mondo del benessere e per promuovere l’incontro dei vari operatori del settore provenienti da tutta Europa”.

Ma Tisana nacque (e continua tutt’oggi) anche con un altro grande obiettivo: fare del bene. “In Tisana c’è anche un altro aspetto che mi gratifica molto –spiegava- Giuseppe Rossi- La sensazione di utilità che provo nel mettere in contatto le persone con gli operatori di questo grande settore. Da questo modo di intendere la salute le persone ne traggono un reale profitto e questo per me è molto importante”.

Portando avanti la filosofia e gli ideali del suo fondatore, Tisana è diventa oggi a tutti gli effetti la più importante fiera del benessere della Svizzera italiana e polo di riferimento europeo per la pratica delle discipline olistiche: da 40 espositori e 7.000 visitatori nel 1997 a più di 200 stand, oltre 30.000 visitatori e 50 conferenze nel 2015. E i numeri sono in continua e vertiginosa crescita perché come già prevedeva Giuseppe Rossi: “La Svizzera ha un’antica tradizione nelle cure e nei rimedi naturali e la sua posizione geografica ne fa da sempre un luogo privilegiato per lo scambio di cultura e di esperienze”.

E Tisana è tutto questo: un importante appuntamento culturale e di conoscenza, un’opportunità concreta di business, una piattaforma nella quale si traccia la strada verso il giusto modo di vivere.

Tisana