Tisana MalpensaFiere

La bicicletta elettrica, fra ecologia e libertà

  • Redazione
  • Redazione

Per chi ama pedalare, per chi è pigro, per chi ha a cuore l’ambiente: la bicicletta elettrica mette tutti d’accordo. C’è un concetto di mobilità rivoluzionario che si sta facendo strada fra un pubblico sempre più ampio. É la bicicletta elettrica, o a pedalata assistita. Strutturalmente molto simile a una bicicletta normale, è dotata di un motore elettrico che interviene in ausilio alla pedalata. Il motore è alimentato da una batteria che nella maggior parte dei modelli è estraibile e si ricarica nel giro di qualche ora con una normale presa della corrente domestica. Ci sono biciclette a pedalata assistita per tutti i gusti e il mercato è ormai in pieno fermento.

Le soluzioni tecnologiche e di design si susseguono ogni anno con nuovi modelli sempre più interessanti: avveniristici o classici. Come per le biciclette normali, anche quelle a pedalata assistita sono disponibili nei modelli per il passeggio, la corsa, il fuoristrada e per i fondi speciali come sabbia e neve. Chi la utilizza può decidere se pedalare in modalità assistita oppure no. E durante la pedalata assistita può regolare la quantità di energia erogata dal motore così da scegliere quanto spingere sui pedali. Ormai quasi tutti i modelli disponibili sul mercato riescono ad affrontare le salite più ripide senza il minimo sforzo da parte del ciclista. Fra i destinatari della bicicletta a pedalata assistita ci sono gli amanti della bicicletta normale ma non solo. Tutti coloro che vorrebbero spostarsi ogni giorno in bici ma che non lo fanno per pigrizia o perché abitano in zone poco pianeggianti hanno trovato in questo mezzo la soluzione ideale.

Ma ci sono anche persone che non possono fare fatica per motivi di età o di salute. Per loro la bicicletta elettrica rappresenta l’unica opportunità di vivere le gioie della bicicletta. Traffico, blocchi della circolazione, saliscendi. La bicicletta elettrica non conosce ostacoli ed è sinonimo di libertà. É l’alternativa ideale a moto e auto, per la mobilità di tutti i giorni e per una scampagnata nel fine settimana. Per condurla non si paga il bollo di circolazione e non serve indossare il casco. Proprio come per una normale bicicletta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tisana