Tisana MalpensaFiere

Estate in fattoria… lavorando

  • Redazione
  • Redazione

C’è un modo per allontanarsi dai ritmi frenetici delle città e per riavvicinarsi alla natura, ritrovando se stessi. Si chiama wwoof.

COSA È?
WWOOF, acronimo di World Wide Opportunities On Organic Farms, è un movimento mondiale che mette in relazione volontari e progetti rurali naturali, promuovendo esperienze educative e culturali basate su uno scambio di fiducia senza scopo di lucro, per contribuire a costruire una comunità globale sostenibile. In pratica grazie a WWOOF si gira il mondo di fattoria in fattoria, in modo economico, perché, dando una mano nel lavoro nei campi, l’ospitalità è gratuita.

COME È NATA L’IDEA?
L’idea è venuta a Sue Coppard, segretaria inglese, che nel 1971, per staccare la spina dai ritmi troppo frenetici di Londra passava i suoi fine settimana in una fattoria del Sussex, scambiando il suo lavoro con il vitto e l’alloggio. Da qui la fondazione dell’organizzazione WWOOF, per aiutare tutti coloro che sentivano la sua stessa esigenza di lasciarsi alle spalle lo stress della città e di ritrovare uno stile di vita più semplice e sano. Oggi il movimento comprende più di 40 WWOOF nazionali, oltre ai soci di 60 Paesi, tra cui anche la Svizzera.

COME FUNZIONA?
Basta iscriversi all’associazione come wwoofers, pagando una quota associativa che comprende anche una copertura assicurativa. I wwoofers lavoreranno, secondo le proprie competenze e capacità, per circa quattro-sei ore al giorno, senza alcun vincolo di subordinazione, orario e mansione. Oltre che a imparare a falciare il fieno, accudire gli animali, mungere le mucche, seminare, raccogliere, fare giardinaggio, tagliare la legna, preparare pane, latte, formaggi, vino o marmellate, gli wwoofers hanno a disposizione tempo libero per scoprire le bellezze del territorio e per divertirsi.

PER INFORMAZIONI: wwoof.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tisana