Tisana MalpensaFiere

Il cammino francese verso santiago

  • Redazione
  • Redazione

Circa 800 chilometri di strada, dalla cittadina di saint jean pied de port, in francia, fino alla cattedrale di san giacomo, per un cammino che ridà senso alla vita.

PERCORSO
Il Cammino francese (Camino francés) è la più importante è famosa strada tra quelle che compongono il Cammino di Santiago. È composta da 30 tappe che dai Pirenei a Santiago attraversano i boschi della Navarra, gli altopiani desertici delle Mesetas e la verde Galizia. Punto di partenza è la piccola cittadina di Saint Jean Pied de Port. Prima di partire bisogna registrarsi all’accoglienza dove sarà consegnata la conchiglia bianca, il simbolo di riconoscimento del santo e dei suoi seguaci, e dove ritirare (se non si è fatto nel paese d’origine) la credencial, la carta di via nel quale verranno apposti i sellos, timbri delle chiese o dei luoghi in cu ci si ferma a mangiare e dormire, che servono per dimostrare i chilometri percorsi e ottenere la Compostela, il certificato dell’arrivo a Santiago.

TAPPE
Per prima cosa si deve attraversare il valico dei Pirenei scegliendo tra la via alta della montagna o quella bassa, scalando lungo il confine francese fra i 25 e i 27 chilometri.

A Roncisvalle si può dormire nel primo albergue (5 euro per un letto a castello in camerata). Percorrendo la Navarra degni di nota e di una sosta sono Zubiri, con il suo ponte storico pieno di libellule blu, Zabaldika, con la sua Chiesa di Santo Stefano, e Pamplona. Successivamente si attraversano le regioni La Rioja, il Paìs Vasco, Castilla y Leon e la Galicia, passando per territori montani e incantevoli città, come Burgos, León e Astorga. La Cruz de Hierro, a 1500 metri, è tra le tappe più difficoltose del percorso e il punto più alto del cammino tradizionale.

Non da meno i sette chilometri in salita di O Cebreiro, a 1300 metri, e l’Alto del Perdon, con le famose sagome di metallo (uno dei più particolari monumenti al pellegrino) e 780 metri di impervi sterrati. L’ultimo tratto va dalla cittadina di Sarria, a 120 chilometri circa da Santiago, a Portomarin. A Palais de Rey con un euro d’ingresso si accede alla grande piscina comunale, mentre a Ribadiso da Baixo c’è il più bell’albergue del cammino. Superata Arzua e Arca do Pino, la mattina si riparte verso Santiago per arrivare in tempo alla messa di mezzogiorno.

COME PUOI AFFRONTARE IL CAMMINO
A piedi, in bicicletta o a cavallo.

PERCHÉ FARLO?
Tante sono le motivazioni che spingono a intraprendere questo percorso che è un cammino fisico, interiore e spirituale. È un momento per riflettere sulla propria interiorità, per riprendere contatto con i veri valori della vita, ma anche per godere della bellezza della natura e delle costruzioni dell’uomo come strade romane e ponti medievali, cattedrali gotiche, borghi, castelli e città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tisana